L’ORO NASCOSTO

Oggi diamo un’occhiata all’inail. L’Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro è uno dei pochi di cui, in tempi di crisi,non si sente parlare.
Già, perché l’inail rappresenta una cassaforte per lo Stato.
Bilanci in attivo, un patrimonio immobiliare fatto di edifici storici di altissimo valore architettonico ed economico e  una presenza consolidata nella sanità particolarmente attiva nel settore delle protesi (guarda un po’!).A quanto ammontano gli stipendi dei dirigenti inail?
Da quanto emerge dal loro sito,  in 19 superano i 200.000 euro all’anno, in 159  stanno tra i 100 e i 200.000  euro,  in coda ci sono i poveracci  che portano a casa poco meno di 100.000 euro all’anno.
Se non abbiamo sbagliato i conti, il totale dei soli stipendi dirigenziali inail di I^ e II^ fascia, ammonta a 22 milioni e 289.000 euro ,  distribuiti in 195  persone con un reddito medio di 114.000 euro all’anno,  il 500% dello stipendio dei lavoratori che l’inail assicura contro gli infortuni.
A questi si sommano: il direttore generale (274.000), il commissario straordinario (137.000), i membri del consiglio di vigilanza, i dirigenti ex ispesl, i dirigenti territoriali. Praticamente un esercito, che affermerà di percepire lo stipendio commisurato al lavoro svolto e stabilito con regolare contratto sindacale.
Ma chi decide quanto vale un lavoro?
E quanto siamo lontani dagli stipendi della famiglia media con la quale abbiamo aperto l’articolo?
BREVE CENNO STORICO:
 Tanto tempo fa qualcuno ritenne che la vita di Gesù Cristo valesse 30 denari; dopo duemila anni, con gli indici di rivalutazione, per la vita di un lavoratore, lo Stato è disposto a pagare 1.936 euro e 80 centesimi, neppure il costo della sua sepoltura.
 Tutti ricorderemo certamente la morte di Matteo Armellini, il giovane morto il 5 marzo scorso, sotto il palco che stava contribuendo ad allestire per il concerto di Laura Pausini.
 Senza dubbio, per i genitori, la madre, i parenti, la perdita del loro ragazzo, giovane e sano, non ha prezzo, così come non ha prezzo la vita di ogni lavoratore.
 Eppure per quanto grottesco possa apparire anche la vita di un lavoratore, anche se è giovanissimo, ha un prezzo e questo prezzo è fissato dall’Inail (Istituto nazionale contro gli infortuni sul lavoro).
QuestO prezioso ente, che tutti i lavoratori e gli imprenditori contribuiscono a mantenere, ha deciso che il giusto risarcimento da recapitare alla madre di Matteo, dev’essere di 1936,80 euro.
Sì, non ci sono errori, non mancano degli zeri, la somma corrisposta è esattamente millenovecentotrentasei/80 euro.
Come ha attestato la madre di Matteo, il risarcimento è stato corrisposto dall’Inail per infortunio e malattia professionale.
La beffa nella disgrazia! Quando infatti Matteo fu investito dal crollo, non aveva ancora cominciato il suo turno.
La signora Paola Armellini ha dichiarato : “Bisogna rivedere il modo in cui viene gestito il lavoro dei ragazzi che collaborano all’allestimento dei palchi, non hanno alcuna copertura assicurativa. Ai miei tempi, un sindacato non avrebbe mai permesso una cosa del genere. Vorrei che il nome di mio figlio venisse ricordato, chiedo ai sindacati e alle forze sociali di intervenire. Sono ragazzi che cercano di guadagnare dei soldi anche per aiutare le famiglie, ma devono essere tutelati”.
La morte di Matteo però alza il velo su un’incresciosa, o meglio vergognosa questione, quella dei risarcimenti Inail per i feriti e ancor peggio per le vittime degli infortuni sul lavoro.

Comments are closed.


Get Widget