Conte e le buffonate delle opposizioni di Tommaso Merlo

24/04/2020 – Conte definisce il Recovery Fund un risultato impensabile, le opposizioni sovraniste un disastro e un tradimento. C’è una linea sottile che separa la propaganda efficace dalle buffonate controproducenti e i due leader delle opposizioni la stanno superando. Per anni Salvini è stato dipinto come quello “bravo” a far politica perchè sapeva comunicare. In televisione e sui giornali veniva celebrato come il leader sempre sul pezzo che sapeva intercettare e dar voce ai sentimenti del popolo. Un genio col paese inginocchiato ai suoi piedi. Poi il crollo improvviso. Coinciso più o meno col colpo di mano fallito sul bagnasciuga. Convintosi di essere stato Prescelto dall’Alto, Salvini si è fatto travolgere da un delirio d’onnipotenza che lo ha portato a compiere la mossa politica più idiota della storia della democrazia dai tempi di Platone. Ha regalato il governo ai suoi rivali. Una volta intaccato il dogma della sua infallibilità, Salvini è scivolato in una crisi lenta ma inesorabile che la pandemia ha esasperato. Passerà alla storia la foto di un Salvini raggiante sulle nevi alpine con prosecco e salumi in mano mentre l’Italia è alle porte della crisi del secolo. Più che un leader lungimirante, un orbo. Più che leader forte, una bolla mediatica.

loading…



Una crisi a cui Salvini ha reagito attaccando. Esagerazioni, fake news, falli di frustrazione sempre più frequenti. Oggi Conte incassa il Recovery Fund e Salvini cinguetta di “sconfitta, tradimento, disfatta”. Sempre oltre quella linea sottile che separa una propaganda efficace da buffonate controproducenti. Come avesse perso smalto. Nei modi, nei tempi, nei contenuti. Una deriva che la Meloni sta seguendo. Fino a ieri veniva lodata da Lorsignori come la politica dotata di un minimo di onestà intellettuale rispetto a Salvini, quella che non parlava a vanvera ed addirittura più moderata avendo accolto l’urna con le ceneri di Forza Italia. Poi scoppia la pandemia e la Meloni parte in tromba dando a Conte del criminale. Quando capisce che il clima è tale per cui lo sciacallaggio non paga, si dà a fatica una calmata, ma dura ben poco e in parlamento apostrofa Conte addirittura come un dittatore. Lo fa dal pulpito di chi vanta origini neofasciste e che ospita nelle sue fila fior fiori di nostalgici del pelatone.

Con la sua solita grazia, la Meloni ha poi scatenato l’inferno sul MES quando a vararlo è stato un governo in cui lei era addirittura ministra. Buffonate controproducenti. Quanto al Recovery Fund, per lei è ovviamente una clamorosa sconfitta nazionale. Esagerazioni, fake news, falli di frustrazione. Come se la pandemia stesse mettendo a dura prova il duo sovranista nostrano e ne scateni gli istinti peggiori. Del resto nelle emergenze i popoli si ricompattano ed è magra per chi specula sulle loro fratture. Del resto la pandemia è una paura che si è inghiottita tutte le paure su cui i sovranisti hanno lucrato i loro consensi. Del resto se l’Italia si salverà sarà grazie al nemico pubblico numero uno dei sovranisti, la vituperata Europa. Quanto a Conte e il suo governo se la stanno cavando bene e i cittadini sembrano apprezzare. Un quadro davvero desolante che costringe i sovranisti nostrani ad alzare continuamente il tiro con esagerazioni, fake news, falli di frustrazione. Senza rendersi conto di superare quella linea sottile che separa una propaganda efficace da buffonate controproducenti.
CONTINUA A LEGGERE >>
VIDEO CORRELATI:

Covid-19, l’Oms lancia raccolta fondi

Si chiama Solidarity response fund.  Come donare: Per donare al Solidarity Response Fund, potete andare sul sito http://who.int e cliccare sul bottone arancione “Donate” in cima alla pagina.

Oppure attraverso il canale Facebook.

A tutti i nostri lettori in Italia.
Può essere imbarazzante, però, per favore, non ignorare questo messaggio.  Il 99% dei nostri lettori non dona, fa finta di niente. Se sei uno dei quei lettori straordinari che ha già donato, ti ringraziamo di cuore. Se donassi solo 5 €, questo sito potrebbe continuare a crescere per anni. Dimostra ai volontari che ti forniscono informazioni affidabili e neutrali che il loro lavoro conta. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro Blog, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità:

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):