Dl Sicurezza Bis, il governo incassa la fiducia alla Camera.

25/07/2019 – La Camera ha dato il via libera alla fiducia posta dal governo sul decreto sicurezza bis con 325 voti favorevoli, 248 contrari e 4 astenuti. Il via libera finale al provvedimento è atteso per domani o al massimo venerdì. Poi il passaggio al Senato per essere convertito in legge. Il comma 1 dell’articolo 13 del testo modifica la legge del 13 dicembre 1989 n.401 relativa a interventi nel settore del gioco e delle scommesse clandestini e tutela dello svolgimento nelle manifestazioni sportive. Intervenendo sul comma 6 della citata legge aggiunge il reato di rissa tra quelli che in caso di denuncia o condanna possono comportare l’applicazione del Daspo. Oggi invece, in prima seduta, ci sarà il voto sul provvedimento.
loading…

Intanto ieri la Corte costituzionale ha emesso una sentenza su due aspetti del primo decreto sicurezza. I giudici hanno bocciato il potere sostitutivo dei prefetti «perché lede l’autonomia degli enti locali», dando invece il via libera all’estensione ai presídi sanitari del cosiddetto Daspo urbano «a condizione che non si applichi a chi ha bisogno di cure mediche poiché il diritto alla salute prevale sempre sulle altre esigenze». La Regione Umbria aveva impugnato il potere sostitutivo dei prefetti, mentre le Regioni Emilia Romagna, Toscana, Calabria avevano censurato l’estensione del Daspo urbano ai presídi sanitari. Nella motivazione della sentenza si spiega che il diritto alla salute prevale sulle esigenze di decoro dei luoghi e di contrasto alle condotte sanzionate in via amministrativa. La Corte ha invece cancellato l’articolo 28, primo comma del Dl 113/2018, che ha inserito nell’articolo 143 del Testo unico degli enti locali (Tuel) – sullo scioglimento dei consigli comunali e provinciali per infiltrazioni e condizionamenti mafiosi degli amministratori locali – un nuovo sub -procedimento per l’attivazione dei poteri sostitutivi del prefetto sugli atti degli enti locali. La Corte ha osservato che la norma, oltre a violare la complessiva autonomia costituzionalmente garantita degli enti locali (riconoscimento di funzioni amministrative proprie, autonomia regolamentare in ordine alla disciplina dell’organizzazione e dello svolgimento delle funzioni loro attribuite, autonomia finanziaria), introduce un nuovo potere prefettizio fondato su presupposti generici ed eccessivamente discrezionali, violando così il principio di tipicità e legalità dell’azione amministrativa. CONTINUA A LEGGERE >> Dal momento che sei qui…. … abbiamo un piccolo favore da chiedere. Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it fai una donazione! Grazie al tuo contributo, ci aiuterai a mantenere la nostra indipendenza Dona oggi, e rimani informato anche domani. (Donazione Minima 5€):

Comments are closed.


Get Widget
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com