LA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA IN ITALIA SARA’ INVINCIBILE

mafia04/09/2015 – Le metamorfosi del crimine organizzato sono sotto gli occhi di tutti così come la colpevole sottovalutazione del fenomeno da parte delle istituzioni. Una delle evidenti cause dell’attuale virulenza risiede, proprio, nello scarsoimpegno dello Stato nei confronti di questa multiforme realtà criminale. Oggi, la criminalità organizzata di matriceeconomica e politicagovernala maggior parte delle attività illecite tra le quali spiccano soprattutto il traffico internazionale di stupefacenti,la gestione degli appalti pubblici e delle grandi opere. Potendo contare su enormi quantità di denaro,le sue attività prevalenti non possono non essere la corruzione,la ripulitura e il reimpiego del denaro sporco.

Lo stretto legame tra organizzazioni criminali, economia e politica rappresentaun pericolo talmente grave da minacciare la stessa sopravvivenza delle istituzioni democratiche. Questo connubio ha una potenza finanziaria tale da poter persino ripianare il deficit del bilancio statale. La domanda da porsi a questo punto è la seguente: come sia potuto accadere che queste organizzazioni criminali anziché avviarsi alla sconfittahanno aumentato la loroaggressività e la loro pervasività?Siamo passati dalla “mafia imprenditrice” teorizzata dal prof. Pino Arlacchi, alla “mafia politica” che gestisce le principali attività produttive dell’Italia. Mentre lo Stato -negli anni che vanno dalla morte di Falcone e Borsellino ad oggi – è restato immobile, le mafie si sono evolute e modellate con rapiditàeflessibilità alle mutevoli esigenze dei tempi. Dalla fase stragista, attribuita a Riina in Sicilia, si è passati alla fase della mimetizzazione sociale, all’uso brutale della forza si è preferito l’uso delicato della corruzione. Oggi le mafie sono addirittura in grado di legiferare perché eleggono i loro esponenti in Parlamento.Hannoforza, consistenzaeindipendenzatali da poter dialogare e stringere accordi in posizione di netta supremazia.

Per esercitare al meglio questo potere le mafie hanno bisogno dipersonaggi estranei alle associazioni criminali. Per effetto dell’espansionedegli affari soprattutto di tipo economico, hanno creato strutture operative non mafiose, sempre controllate dall’organizzazione criminale. Si tratta di organi molto articolati e complessicon ramificazioni soprattutto all’estero che, funzionano quasi in anonimato, consentonoperò alle mafienotevoli guadagni. I sistemi di riciclaggio e di reimpiego dei capitali si sono sempre più perfezionati sia a seguito delle maggiori quantità di denaro disponibili che della necessità di eludere indagini patrimoniali.

Mentre fino a pochi anni fa il sistema bancario rappresentava il canale privilegiato, oggi, è stato addirittura accertato il coinvolgimento di intere nazioni nelle operazioni di cambio di valuta estera. Non poche attività illecite delle mafie, come, ad esempio, gli appalti e le frodi comunitarie, hanno rappresentato il mezzo per consentire l’afflusso di ingenti quantitativi di denarogià ripulito all’estero. Il declino del crimine organizzato più volte annunciato dai vari governi succedutisi negli ultimi venti anni non si è mai verificato, e non è, purtroppo, nemmeno ipotizzabile. È vero che non pochi “boss” sono detenuti, tuttavia i “veri” vertici del crimine organizzato, alcuni dei quali siedono a Roma, non sono statimessi al tappeto.

Le indagini da qualche tempohanno perso d’intensità e d’incisività a fronte di organizzazionicriminaliche hanno complicità nelle alte sfere e sono diventate sempre più inattaccabili.I rapporti tra criminalità organizzata e centri occultidi potere costituiscono tuttora nodi irrisolti. Fino a quando non sarà fatta luce su moventi e mandanti dei nuovi e dei vecchi “omicidi eccellenti”, non si faranno passi concretiavanti. Le confische patrimoniali, molto temute dai mafiosi, languonoe anche questo è un aspetto a dir poco preoccupante. Non mi sento di avere titoli di legittimazione per censurare qualcuno né tantomeno per suggerire rimedi ma devo sottolineare che oggi la situazione generale, non ci fa essereottimisti. Nella mia esperienza personale,notoun diffuso clima di rassegnazione e di abbandono oltre che dello Stato anche della società civile. Ritengo,quindi,mio dovere morale evidenziareche continuando a percorrere questa strada, nel prossimo futuro, saremo costretti a contrapporciaduna criminalità organizzata talmente forte da risultare addirittura invincibile.

Prof. VINCENZO MUSACCHIO
già Docente di Diritto Penale presso l’Alta Scuola di Formazione della Presidenza del Consiglio in Roma
Presidente dell’Istituto Nazionale di Studi sulla Corruzione in Roma
Direttore Scientifico della Scuola della Legalità “Don Peppe Diana” – Roma
Editorialista de “L’Ora” di Palermo e della Gazzetta del Mezzogiorno

Dai anche un’occhiata alle nostra pagina su Facebook  Se vuoi, puoi inviarci video, notizie o semplicemente scriverci attraverso un messaggio sulla nostra pagina Facebook, gli articoli saranno pubblicati solamente dopo poche  ore dal tuo invio!  Se ti è piaciuto l’articolo riportato, condividilo o lascia un commento, e facci sapere cosa ne pensi!  Continuate a navigare nel sito, attraverso le varie categorie o gli articoli correlati.

Mistero in Polonia, Trovato treno nazista carico d’oro (VIDEO):

http://www.videoscoop.info/funerali-casamonica-in-stile-il-53797

http://www.videoscoop.info/cosi-si-brucia-un-tumore-al-pancreas-38094

http://www.videoscoop.info/il-primo-ponte-in-acciaio-di-oltre-7-27582

http://www.videoscoop.info/parole-di-stima-telespettatore-in-27050

http://www.videoscoop.info/colpo-di-scena-de-luca-spiazza-tutti-25645

http://www.videoscoop.info/confessione-allucinante-di-d-amato-25409

http://www.videoscoop.info/caro-beppe-avevi-ragione-finalmente-24836

http://www.videoscoop.info/immigrati-a-ventimiglia-ecco-il-video-24035

Comments are closed.


Get Widget