Di Igor il Russo nessuna traccia. Clamorosa protesta a Budrio: vogliono eleggere sindaco Davide Fabbri

06/06/2017 – “Budrio chiede giustizia per Davide Fabbri”. A due mesi dall’omicidio del barista di Riccardina di Budrio da parte del killer ricercato Norbert Feher, alias Igor, il Comune alle porte di Bologna farà affiggere alcune locandine con questa frase, anche all’entrata del Municipio. “Un modo per ricordarlo nella ricorrenza della sua morte”, dice il sindaco Giulio Pierini.
Una protesta, clamorosa e drammatica, in grado di far tremare l’Italia. Domenica Budrio sceglie il suo sindaco e gli abitanti vogliono eleggere Davide Fabbri, il barista ucciso da Igor il Russo e rimasto senza giustizia. Il bandito serbo è in fuga da 2 mesi e nonostante l’imponente dispiegamento di forze tra esercito, carabinieri e polizia e la pianura emiliana tra Bologna e Ferrara setacciata senza sosta (costo: 200mila euro al giorno) non sembra imprendibile. “Serve una taglia.
loading…
Bisognava metterla subito. I delinquenti se lo sarebbero venduti subito. E invece…”, accusa Maria, la moglie di Fabbri. La rabbia nel paesino a pochi chilometri da Bologna è enorme, e anche per questo si sta facendo strada l’idea di un voto di protesta alle elezioni comunali. Gli inquirenti non mollano ancora: Norbert Feher, questo il vero nome di Igor, è ancora in questi luoghi, ma “a questo punto, forse, possiamo escludere che sia alla macchia. Qualcuno lo deve aiutare. Una donna, probabilmente”. Un italiano, quasi sicuramente, “qualcuno al di sopra di ogni sospetto, che non ha contatti con la malavita e riesce a non tradirsi”. – FONTE Diventa sostenitore di L’Onesto clicca mi piace sulla pagina facebook

Comments are closed.


Get Widget
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com