Parla nel sonno in Friulano, sgominato traffico internazionale di cocaina e marijuana

13/08/2017 – Smerciavano droga di primissima qualità muovendosi indisturbati tra Friuli e Calabria, progettando l’acquisto di un ingente carico di cocaina da Panama. Blitz in mattinata da parte degli uomini delle fiamme gialle nella zona di viale Tricesimo. Arrestate tre persone, due fratelli calabresi e un friulano. Sequestrati mezzo chilo di cocaina, un chilo e mezzo di marijuana e un fucile carico. Fondamentali per la ricostruzione del piano in atto, alcune frasi pronunciate in marilenghe dal finanziatore udinese, un udinese di 71 anni dal passato avventuroso.

loading…



Stella A. di 51 anni, originaria della provincia di Reggio Calabria, suo fratello, Antonino A. di 48 anni, residente a Gioia Tauro, e il compagno della donna, Elvio D.F. friulano di 70 anni (vedi foto in basso), sono stati arrestati alle prime luci dell’alba di oggi e condotti alle case circondariali di Udine, Trieste e di Palmi. Il sodalizio, proprio in questi giorni, stava terminando l’importazione di un grande quantitativo di droga da Panama, tramite una società di spedizione marittima costruita ad hoc: ben 12 chilogrammi di cocaina pura da nascondere all’interno di un container da far arrivare, prima, nel paese calabro, poi via corriera, a Udine, luogo di raccolta degli ordini e di spaccio. Sono stati sequestrati complessivamente mezzo chilo di cocaina, un chilo e mezzo di marijuana ed un fucile di fabbricazione russa con 29 cartucce, due di queste già incamerate e pronte al fuoco. Contestualmente è scattata anche la perquisizione delle abitazioni dei tre soggetti e di altre tre persone coinvolte, a loro volta denunciate.“

LA CUOCA: L’indagine, illustrata dal tenente colonnello Davide Cardia, Comandante del Nucleo di Polizia Tributaria della Gdf di Udine, era scattata lo scorso ottobre in seguito ad un arresto di uno dei “cavalli” di Stella, un friulano di 40 anni trovato in possesso di 340 grammi di marijuana e 51 di cocaina affidatagli in conto acquisto dalla donna. A seguito dell’arresto il quarantenne ha fatto perdere le sue tracce e la donna, preoccupata di non avere il rientro sperato, ha iniziato a cercare lo spacciatore senza successo. A quel punto le Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Tributaria del capoluogo friulano si sono insospettite e hanno identificato la donna che, all’apparenza, risultava essere un’anonima lavoratrice stagionale nel settore della ristorazione legata ad un anziano friulano dal passato avventuroso. In realtà le indagini, grazie all’utilizzo di intercezioni audio e video, hanno portato alla luce l’attività di spaccio della donna che raccoglieva gli ordini in regione rifornendo poi la clientela del Fvg.



ELVIO: Le intercettazioni sono state risolutive e hanno permesso di eseguire un’operazione straordinaria con il sequestro differito dello stupefacente (la droga e il fucile erano già stati trovati nel momento in cui gli uomini delle fiamme gialle sono entrate nell’appartamento dell’uomo per installare il sistema di videoriprese, ma sono stati sequestrati solo oggi per non mettere a rischio l’intera indagine in corso). A fornire gli elementi chiave per ricostruire tutta la strategia del sodalizio in atto, lo stesso Elvio che aveva l’abitudine di parlare nel sonno in lingua friulana.

Di notte era infatti solito esprimere ad alta voce tutte le sue preoccupazioni sull’operazione (che avrebbe potuto fargli incassare 2 milioni di euro) e alcune perplessità sulla serietà dei suoi interlocutori. Il 71enne era molto teso avendo investito tutte le sue risorse economiche a disposizione: circa 500 mila euro, frutto di un risarcimento danni ottenuto in seguito ad un attentato di Al Qaeda, subito quando lavorava in Marocco nel 2007 per una società di costruzioni. .Si è scoperto così che l’udinese, che in passato era stato un legionario francese e aveva fatto parte delle forze speciali francesi, tre anni fa aveva fondato a Panama una società di spedizione marittima (risultata attualmente inattiva) e che tramite questa doveva poi provvedere alla spedizione del carico. – fonte

Diventa sostenitore di L’Onesto clicca mi piace sulla pagina facebook

Comments are closed.


Get Widget