Omaggio alla Siria: Trump ordina alla CIA di fermare la guerra in Siria

02/09/2017 – La scorsa settimana è successo un fatto strano. Il presidente Usa ha ufficialmente ordinato alla CIA di fermare la sua guerra contro la Siria. In Italia improvvisamente cessano sbarchi di immigrati sulle coste.
Quindi non era il riscaldamento globale, o “Assad” o neoliberalismo, non era nemmeno una guerra civile. Il produttore di guerra in Siria era la CIA. Naturalmente, la CIA continuerà ufficiosamente la sua guerra contro la Siria. Ma possiamo assaporare per un attimo la verità. E una “sconfitta ufficiale della CIA”.

E perché solo odorare? Perché non rallegrarmi? Perché questa “vittoria” importante potrebbe essere il punto di svolta nell’assalto occidentale del secolo precedente sul popolo musulmano. Quello che molti chiamano “l’arco della resistenza” (sciita e secolare) è ormai solidificato, mentre l’offensiva imperiale occidentale si è sgretolata.

loading…



Il generale americano Wesley Clark ha lasciato il gioco anni fa quando ha rivelato le intenzioni degli Stati Uniti in Medio Oriente dopo l’11 settembre: sette paesi dovevano essere invasi (Iraq, Libia, Siria, Libano, Somalia, Sudan e Iran). Anche il ministro degli esteri francese Roland Dumas ha dato il gioco quando ha rivelato che lo Stato britannico (un asset definito CIA) si stava preparando per una guerra alla Siria due anni prima dell’inizio dell’Olocausto siriano nel 2011. E il giornalista investigativo Seymour Hersh ha dato anche il gioco nel suo articolo di New Yorker 2007: “The Redirection”. In questo pezzo ha rivelato come gli Stati Uniti stavano agganciando ancora una volta con i fondamentalisti sauditi / sunniti in Siria e intorno.

E se tutta questa rivelazione non fosse sufficiente – Wikileaks ha mostrato le macchinazioni dell’ambasciata degli Stati Uniti a Damasco nel primo decennio di questo secolo. La destabilizzazione era l’agenda. La “diplomazia” della CIA era la regola. In breve, la Siria era nei capelli incrociati dell’Impero. Infatti è stato così negli ultimi sessanta anni. I piani per il caos in Siria sono stati sul tavolo imperiale dagli anni ’50 (Operation Straggle).

Tutto questo complotto si fonde come una bomba atomica sopra la Siria nel 2011. Tuttavia la resistenza siriana a essa e la sua eventuale “vittoria” non riceve l’enorme credito e il rispetto che merita. La Siria ha preso un colpo per l’umanità. E ha segnato una vittoria per l’umanità. E l’umanità – o almeno la parte occidentale di esso – sceglie di guardare l’altra strada.

Gli “umanitari” occidentali incolpano la Siria per l’Olocausto siriano. Le relazioni di Amnesty International e Human Rights Watch (sia in termini intimi con il Dipartimento di Stato americano) non sprecano nient’altro che disprezzano la Repubblica araba siriana. E anche alcuni radicali occidentali colpiscono la Siria. Dalla go-go Noam Chomsky voleva cambiare regime. E “mille e uno” altri sinistri onoravano i kurdi nella Siria settentrionale e altre illusioni rivoluzionarie piuttosto che dire nulla di buono per la Repubblica siriana.

Nel conto occidentale grottesemente distorto della guerra contro la Siria: i molti modi dell’imperialismo occidentale erano e mancano ancora. La CIA e il suo modus operandi erano e non sono ancora tenuti a tener conto: l’acquisto di informatori, traditori, giornalisti, mercenari, film, oscar, ecc.

In un classico caso di liberalismo sconnessi – quando si trovava in Siria, le azioni segrete e aperte dell’Occidente furono messe a nudo ed è stato evidenziato un individuo “estero”: il presidente siriano.

E in un’espressione deludente del pensiero critico, una grande parte della sinistra occidentale ha finito per indicare anche un “straniero”: il presidente siriano.

Mentre l’ala destra, l’abitudine occidentale è sempre stata la colpa di stranieri o stranieri. La sinistra occidentale postmoderna (post-rivoluzionaria) è caduta nella stessa abitudine. Perché questa critica sbarrata? Perché la riluttanza a riconoscere la vittoria più antimperialista nei tempi postmoderni?

Perché è responsabile un “dittatore”? Così? La vita della Repubblica era in linea! Il punto esistenziale non si registra nelle teste occidentali? Siamo ciechi ai risultati genocidi delle nostre politiche occidentali quando sono imposti alle nazioni vulnerabili del Terzo Mondo? Siamo così pura che non possiamo riconoscere un modello politico alternativo? Il presidente della Siria avrebbe potuto abbandonare la nave. Ma in realtà ha agito come un presidente. Rimase quando sarebbe stato più facile correre.

In Occidente i nostri Presidenti rinunciano a resistere all’ingiustizia al primo segno di guai. In Europa, per esempio, nessuno osa combattere i nemici del popolo (La Banca Centrale Europea e la NATO). Quindi non siamo abituati a vedere un leader con la spina dorsale. Quando vediamo uno pensiamo che sia incredibile. Devono essere qualcosa di sbagliato. Deve essere un “dittatore”. Quando in realtà è il contrario: occidentale “democrazia capitalista” è la dittatura – soprattutto quando è esportato verso la non-occidentale.

Nei tempi postmoderni la preoccupazione occidentale o il sostegno alla “rivoluzione araba” sono falsi. Non ha alcuna base. Pertanto per gli occidentali stare al di fuori delle linee e la conferenza della Siria su “rivoluzione” è crass. Semplicemente dire: oggi in Occidente non abbiamo credenziali rivoluzionarie. Quindi, cosa ci fa esperti di “rivoluzione” ovunque? Infatti perché lo vediamo dove non è? Perché il nostro giudizio sulla Siria è basato sui più alti standard rivoluzionari quando una forza imperiale vorace è chiaramente fuori per distruggerla? Perché proiettiamo i nostri desideri di cambiamento su una gente che vuole solo sopravvivere ad un olocausto. La critica occidentale autosufficiente della Siria è il meno male. Per dire il più: è stata una vittima indesiderata di un blitzkrieg di una CIA.

E la natura neoliberale della Siria? Ogni paese del mondo oggi è più o meno neoliberista. Ma a parte la Libia nessun altro paese è stato strappato come la Siria. Qualcosa di altro era la causa dell’Olocausto siriano. Spiegare “la Siria”, indicando la disgregazione neoliberale della società, è perciò un crimine. E la riluttanza a puntare alla CIA quale causa negli ultimi sei anni è stata codarda.

Conosciamo il record della CIA. Cuba, Cile, Nicaragua, Congo, Angola, Vietnam, Indonesia, Laos, ecc. Le guerre segrete e le campagne di destabilizzazione segrete non sono più un segreto. Quindi perché l’innocenza quando si tratta di Siria? In tre parole: la primavera araba.



Tuttavia dopo sei anni di orrore la narrativa “Primavera” non ha senso. Nel caso della Siria è un bendaggio. Da quando le attività della CIA sono mai state come “primavera”? È stata una distrazione ben preparata. La grande ironia però è che oggi dopo la “vittoria” della Repubblica siriana, probabilmente vedremo un vero e proprio rinascimento siriano, una vera Primavera del popolo siriano.

E prima che qualcuno dice “l’imperialismo russo”, spingiamo l’idea da parte. Il fatto è che l’economia russa è più piccola di quella della California. Non ha semplicemente la capacità economica di essere un impero. E suggerire altrimenti è farcical. Per ripetere il nostro punto principale: la vita della Repubblica siriana era in linea negli ultimi anni. Pertanto, la Repubblica aveva tutti i diritti di utilizzare qualunque vantaggio. Nelle guerre gli “alleati” sono un fatto di vita.

Per quanto riguarda la “corsa” della Russia per aiutare la Siria – la migliore analogia è la corsa cubana per aiutare l’Angola negli anni ’70. L’ingresso di Cuba in quella guerra della CIA non era “l’imperialismo cubano”, ma un atto di solidarietà internazionale. E ha cambiato la storia dell’Africa moderna per il meglio. Fu l’inizio della fine dell’apartheid Sudafrica.

E proprio questo è il significato della vittoria siriana. Combattendo patriotticamente e sconfiggendo la macchina di uccisione dell’Occidente, il popolo siriano non ha appena salvato il proprio paese ma ha salvato la propria regione da ulteriori distruzioni. E se questo è il caso allora è l’inizio della fine dell’apartheid Israele. – FONTE

Diventa sostenitore di L’Onesto clicca mi piace sulla pagina facebook

Comments are closed.


Get Widget