Roma, il business d’oro, appalti milionari pagati in anticipo: Le sentenze amm.ve si comprano prima e a pacchi

13/07/2018 – Bufera sul Consiglio di Stato. I PM: “I verdetti sulle controversie per appalti milionari pagati in anticipo”.
Le sentenze si comprano prima e a pacchi.  E quando serve dirottare la decisione del giudice corrotto basta estrarre il bonus. Il magistrato aggiusta il verdetto e scala il gettone. È il supermarket delle sentenze nella giustizia amministrativa, spesso chiamata a dirimere controversie su appalti milionari.

È la nuova bufera che sta per scoppiare al Consiglio di Stato e che fa tremare giudici e legali. Un’indagine nata da una costola della vicenda Consip e sui cui sono convogliate anche altre inchieste ( come quella che riguarda l’avvocato amministrativista Piero Amara) che portano in un’unica direzione: la compravendita dei giudizi. Più i magistrati della procura di Roma scavano e più viene a galla un sistema marcio.
I verdetti, dai magistrati infedeli, si acquisterebbero in pacchetti da dieci senza nemmeno comprare, in quel dato momento, uno specifica causa.

loading…



Una sorta di ticket da estrarre da un carnet, di volta in volta e a seconda delle necessità, da parte dell’avvocato corruttore per far virare il giudizio a favore del proprio cliente.
Secondo gli inquirenti, le intercettazioni dell’ex parlamentare Italo Bocchino e dell’imprenditore Alfredo Romeo, da cui è nato uno dei filoni della maxi inchiesta romana, andrebbero letti in questa direzione: ” Abbiamo preso un altro bidone ” , spiega Bocchino a Romeo parlando di un inaspettato esito negativo arrivato dal Consiglio di Stato.

L’ex deputato di Futuro e Libertà si riferirebbe all’avvocato amministrativista ingaggiato da Romeo per i contenziosi contro i suoi concorrenti. “C’ha un pacchetto di dieci cose là, capito? – spiega Bocchino – Perché quando va a fare qualche operazione… non è che va a fare l’operazione… questi sono di Romeo per la cosa di Romeo… Va là, dice “questi sono per te, no? Poi negozia dieci cose. Su questo si è distratto. Perché secondo me era certo che tu… che vinceva perché aveva ragione. La distrazione ha portato allo scarso studio della cosa… Ma ora li possiamo recuperare?”.
La conversazione sarebbe, appunto, significativa. Fornirebbe un primo riscontro ai sospetti degli investigatori, pm e Guardia di Finanza.


In pratica, questa è l’ipotesi degli inquirenti, il legale avrebbe comprato una decina di verdetti. Tuttavia non avrebbe impiegato una delle fiche a suo favore ( pacchetti di sentenze pre- acquistate) pensando che, in quel giudizio, avrebbe comunque ottenuto un esito favorevole dal momento che riteneva di avere pienamente ragione.
Intanto l’indagine che coinvolge più procure, mercoledì scorso ha portato all’arresto dell’ex giudice del Consiglio di giustizia amministrativa siciliana Giuseppe Mineo. Mineo è il primo dei nuovi indagati dell’inchiesta sulle sentenze pilotate condotta dai pm di Messina e Roma.

Il magistrato siciliano è stato incastrato anche grazie alle dichiarazioni degli avvocati Piero Amara e Giuseppe Calafiore, che da due mesi (erano entrambi stati arrestati il 16 febbraio) stanno collaborando con gli investigatori spiegando il ” sistema” per comprare le sentenze nella giustizia amministrativa. – FONTE
CONTINUA A LEGGERE >>
Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Più persone stanno leggendo il nostre le nostre notizie selezionate dai maggiori media locali e internazionali, ma le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo mantenere la nostra rassegna stampa più aperta possibile. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!(Donazione Minima 5€):




Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


Get Widget