Quattro carabinieri condannati per la vicenda di Marrazzo e la trans iniziata nel 2009

28/11/2018 – Un totale di 29 anni e 6 mesi di carcere. Questa la condanna emessa dal tribunale di Roma nei confronti dei 4 carabinieri infedeli coinvolti nel 2009 nella vicenda che ha coinvolto l’ex governatore del Lazio, Piero Marrazzo, in compagnia della trans Natali. Nello specifico i giudici hanno condannato a 10 anni Nicola Testini e Carlo Tagliente.
L’altro loro collega, Luciano Simeone, è stato condannato a 6 anni e 6 mesi di carcere, mentre Antonio Tamburrino è stato condannato a 3 anni di carcere. Prescritto il reato contestato alla trans Natali. I militari dell’Arma erano accusati, a vario titolo, di concussione, rapina, detenzione di droga e ricettazione. Per i carabinieri il pm Edoardo De Santis aveva chiesto pene di 12 anni per Nicola Testini e Carlo Tagliente. Per Simeone, erano stati chiesti 9 anni di carcere e per Tamburrino 4 anni.

loading…



La vicenda risale al luglio del 2009 quando i carabinieri entrarono in un appartamento di via Gradoli 96, nella Capitale. In uno dei palazzoni, che ricordano le favelas brasiliane, i carabinieri trovarono Marrazzo in camicia e mutande in compagnia di una transessuale brasiliana di nome Natali e iniziarono a girare un video che successivamente fu usato a scopo di ricatto. I militari dell’Arma hanno sempre negato questa ricostruzione spiegando che il video era in realtà stato girato per «documentare l’operazione di polizia» ed evitare future problematiche.

«Piero Marrazzo ha atteso nove anni questa pronuncia che accogliamo con soddisfazione», ha commentato l’avvocato dell’ex governatore, Luca Petrucc che ha aggiunto: «La sentenza riconosce in pieno la colpevolezza degli imputati che, disonorando la propria divisa, si sono resi responsabili di un ignobile sopruso e di un vile ricatto criminale». «Anche in questo momento – ha precisato Petrucci – da uomo delle Istituzioni, da giornalista del servizio pubblico e, soprattutto, da cittadino perbene, Marrazzo tiene a ribadire la propria massima considerazione nell’Arma dei carabinieri che è, insieme a lui, la vittima principale dei crimini commessi da questo manipolo di “mele marce”». – [LaStampa.it]
CONTINUA A LEGGERE >>
VIDEO CORRELATI:



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget