Belpietro. Prima di quota 100 c’è quota Sgarbi: basta con i contributi figurativi

11/12/2018 – “Prima di quota 100 c’è quota Sgarbi: basta con i contributi figurativi”. Così il quotidiano “La Verità” in un post pubblicato sulla propria pagina Facebook in riferimento al fatto che Vittorio Sgarbi, ben presto andrà in pensione per il suo lavoro da funzionario dei beni culturali, con 51 anni di contributi figurativi alle spalle. Ed è proprio il direttore del quotidiano “La Verità” e del settimanale “Panorama”, Maurizio Belpietro a pubblicare un editoriale sull’ultimo numero di Panorama.it in cui viene citata la così detta “quota Sgarbi”. “L’abbiamo chiamata ‘quota Sgarbi’” – ha spiegato Belpietro – “perché Sgarbi va in pensione perché ha raggiunto l’età, i 67 anni, e prenderà dice lui – ce lo ha anticipato in un’intervista esclusiva – tra i 2500 e i 3500 euro ed è sicuramente una bella pensione”.

loading…



“Probabilmente una di quelle pensioni che i 5 Stelle definirebbero ‘d’oro’ e vorrebbero anche un po’ decurtare, ma l’interesse per la ‘quota Sgarbi’ non è tanto il fatto che il critico d’arte e parlamentare vada in pensione, ma che il critico d’arte abbia goduto per decenni dei contributi figurativi” ha proseguito. “Che cosa sono i contributi figurativi? Sono quei contributi che figurano ma non sono stati pagati, ovvero l’Inps li registra ma il lavoratore e l’azienda del lavoratore ovviamente non li hanno versati. Ne godono i parlamentari, ne godono anche i sindacalisti, sono decine di migliaia di persone che vengono caricate sul bilancio dell’Inps, sul bilancio dell’ente previdenziale, nonostante questi contributi non abbiano ricevuto effettivamente un versamento” ha fatto sapere il direttore.

“E allora, mentre si discute su come difendere la Fornero e sul fatto che non si possono mandare in pensione prima le persone, forse bisognerebbe cominciare riflettere sul fatto che si mandano in pensione tante persone che i contributi non li hanno versati, la pensione non l’hanno maturata e allora cominciamo a togliere queste cose” ha osservato. “E magari dopo potremo anche presentarci a chi invece ha fatto 41 o 42 anni di lavoro dicendo ‘guardate siamo in difficoltà quindi dovrete rimanere a lavoro ancora per un po”, altrimenti si rischia di avere figli e figliastri e poi qualcuno si arrabbia pure” ha concluso.
CONTINUA A LEGGERE >>
VIDEO CORRELATI:



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget