Coronavirus, mea culpa del ministro olandese: “Ho raccolto tempesta, quindi ho sbagliato”. Attacchi al Governo, rimane veto su eurobond

02/04/2020 – Il governo dei Paesi Bassi è stato sommerso dalle critiche interne per la linea dura sposata durante l’ultimo Consiglio europeo a Bruxelles. Quando manca una settimana al prossimo vertice dell’Eurogruppo che dovrà presentare nuove proposte sulle strategie economiche da mettere in campo a livello Ue per limitare le conseguenze dell’emergenza coronavirus, a puntare il dito contro l’esecutivo guidato dal liberale Mark Rutte, tra i più convinti oppositori ai cosiddetti coronabond e che ha più volte indicato il Mes come meccanismo al quale ricorrere in caso di crisi, sono state sia le opposizioni che gli alleati di governo. Tanto che anche uno dei falchi rigoristi dell’esecutivo, il ministro delle Finanze Wopke Hoekstra, ha ammesso un eccesso di fermezza nel chiedere alla Commissione un’indagine per capire perché alcuni Paesi, in riferimento soprattutto a Italia e Spagna, dicano di non avere margine di bilancio per far fronte all’emergenza nonostante l’area euro sia in crescita da sette anni.

Parole che il primo ministro portoghese, Antonio Costa, ha definito “ripugnanti”.

Hoekstra: “Ho mostrato poca empatia, serve solidarietà. Ma no ai coronabond”
Il ministro olandese è stato l’obiettivo principale delle critiche mosse non solo dal gruppo di Paesi firmatari della lettera inviata al presidente del Consiglio Ue, Charles Michel, con la quale chiedevano all’Ue l’emissione di “uno strumento di debito comune”, ma anche dagli alleati ad Amsterdam.

loading…



“Ho mostrato troppa poca empatia, avrei dovuto fare di meglio – ha detto in un’intervista a Rtl Z – La nostra posizione sui coronabond è ferma, ma non quella sulla solidarietà. Non ho passato il messaggio con sufficiente empatia. Ma vogliamo valutare in modo solidale cosa è razionale e ragionevole”.

Un mea culpa, quello del ministro, che arriva proprio in conseguenza degli attacchi ricevuti internamente: “Se raccogli tutta la tempesta che abbiamo raccolto noi, evidentemente non hai fatto qualcosa di buono – ha aggiunto – È successo ciò che non volevamo e ciò che volevamo invece non è successo. Avrei dovuto fare di meglio, una Ue forte è anche nel nostro interesse, avremmo dovuto mettere questo davanti a tutto”.

Un interesse legato, oltre alla più generale tenuta dell’Unione e al contrasto all’avanzata dei neonazionalismi, anche alla stessa emergenza coronavirus. I Paesi Bassi, stando agli ultimi dati ufficiali, hanno superato la soglia delle 1.000 vittime causate dalla pandemia (175 solo lunedì) e oltre 12mila contagi.

Critiche anche dagli alleati di governo: “Non possiamo lasciar soffocare i nostri amici”
Se in Germania, il giorno dopo lo scontro in sede di Consiglio Ue, a criticare la linea dura della cancelliera Angela Merkel erano stati soprattutto i giornali progressisti e le opposizioni, con i Verdi in testa, ad Amsterdam le accuse arrivano anche dal fronte alleato. Il capogruppo del D66 alla Camera, Rob Jetten, ha voluto ricordare ai compagni di governo che “solo insieme possiamo sopravvivere” in Europa: “I Paesi Bassi sono diventati ricchi grazie all’Ue. Ora che posti di lavoro e redditi sono in gioco in tutta Europa a causa della crisi legata al coronavirus non possiamo permettere ai nostri amici di soffocare”.

La portavoce della formazione olandese al Parlamento europeo, Sophie in ‘t Veld, parlando a Politico ha aggiunto che “l’atteggiamento e il tono del governo erano così inappropriati e così schietti che non credo cambi essere un Paese del nord o del sud per accorgersene. È chiaro che stanno giocando con il fuoco perché se l’Italia cade, poi cadranno la Zona euro e l’Unione europea e quindi cadremo anche noi“. – [Continua su FONTE]
CONTINUA A LEGGERE >>
Ordina subito la tua carta Revolut gratuita.
VIDEO CORRELATI:

Covid-19, l’Oms lancia raccolta fondi

Si chiama Solidarity response fund.  Come donare: Per donare al Solidarity Response Fund, potete andare sul sito http://who.int e cliccare sul bottone arancione “Donate” in cima alla pagina.

Oppure attraverso il canale Facebook.



A tutti i nostri lettori in Italia.
Può essere imbarazzante, però, per favore, non ignorare questo messaggio.  Il 99% dei nostri lettori non dona, fa finta di niente. Se sei uno dei quei lettori straordinari che ha già donato, ti ringraziamo di cuore. Se donassi solo 5 €, questo sito potrebbe continuare a crescere per anni. Dimostra ai volontari che ti forniscono informazioni affidabili e neutrali che il loro lavoro conta. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro Blog, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità:

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):


Comments are closed.


Get Widget