Papa Francesco snobba 80 sindaci europei e fa saltare l’udienza al summit sulle migrazioni: “I migranti sono nostri fratelli”

++ Papa: atterrato a Ciampino l'aereo di Bergoglio ++11/12/2016 – Città del Vaticano Papa Bergoglio snobba 80 sindaci delle maggiori città europee. Parigi, Roma, Milano, Madrid, Lisbona, Bonn, Bruxelles, Barcellona, Parigi. Erano tutti arrivati in Vaticano venerdì mattina per un summit di due giorni dedicato ai migranti sul tema “I rifugiati sono nostri fratelli”.
Bergoglio shock, le parole del Papa. Ho la sensazione che il mio Pontificato sarà breve.
Dopo una maratona di due giorni, con interventi ricchi di spunti e di riflessioni sul fenomeno più massiccio del momento, gli 80 sindaci si aspettavano di ascoltare le parole di Francesco, di salutarlo, come del resto era scritto nel programma diffuso da monsignor Sanchez Sorondo, l’argentino che dirige l’Accademia delle Scienze Sociali. E invece l’amara sorpresa. Terminato di parlare l’ultimo relatore in programma, l’arcivescovo ha preso la parola e, alquanto imbarazzato, ha comunicato che il Papa non si sarebbe fatto vivo anche se questo non significava che non fosse “contento di questo incontro e di questa dichiarazione. Egli continuerà ad appoggiarvi e seguire quello che lui stesso ha iniziato: a fare ponti e non muri. Forse qualcosa gli ha complicato la vita”. Un po’ sconcertati i sindaci si sono alzati e se ne sono andati, un po’ delusi. Eppure era la prima riunione per creare una rete in Europa per favorire azioni comuni. Insomma, l’Europa dei sindaci si conclude con quello che sembra uno sgarbo, una disattenzione, una nota stonata.

Miracolo in RAI, sparisce la Sindaca RAGGI (m5s) che è praticamente a fianco al PAPA

Oggi pomeriggio uno dei 18 sindaci italiani presenti, Nardella di Firenze, era uno dei tanti che si era lamentato della paralisi europea di fronte a regole rigide e blocchi sui rifugiati. “L’Europa convochi subito i sindaci per un programma condiviso”. Il documento comune che è stato sottoscritto in Vaticano chiede la creazione di corridoi umanitari sicuri e certi, riconosciuti a livello internazionale per chi fugge dalla guerra. E’ stato chiesto anche il rispetto del non respingimento dei rifugiati, e l’amnistia “o altri tipi di soluzioni” per le vittime della schiavitù moderna e la tratta di esseri umani che vengono sottoposti a forme di lavoro forzato, prostituzione e traffico d’organi. Molte persone “sprovviste di documenti vengono raggirate e fatte oggetto di tratta a fini di sfruttamento sessuale o schiavizzate”. Il sindaco di Manchester (“mio nonno era un migrante”) ha ricordato, invece, che la schiavitù oggi è più estesa che non nei secoli passati.

Il papà soldato torna dal Kuwait: corre ad abbracciarlo incurante della cerimonia

Parigi, Roma, Milano, Napoli, Lisbona, Varsavia, Berlino, Dublino, Francoforte, Glasgow, Bruxelles, Palermo, Dresda, Madrid, Barcellona, Valenza, Zurigo, Copenaghen, Vienna, Bonn persino il sindaco di Tripoli che ha lanciato un grido disperato: “Non vogliamo altri morti nel Mediterraneo”. Nella Casina Pio IV, nel cuore dei giardini vaticani dove si è tenuto l’incotnro, ha fatto capolino la sindaca di Roma Virginia Raggi. Era stata lei ad aprire i lavori, venerdì mattina, anche se poi si è assentata per tutto il resto del dibattito seguente, presentandosi solo nella sessione finale in attesa dell’incontro papale.

Il sindaco polacco di Gdansk ha ammesso ai colleghi di “vergognarsi per quello che sta facendo la Polonia. La mia terra non ha voluto accogliere rifugiati dalla Siria. La mia terra – ha aggiunto – afferma di avere valori cristiani ma poi non accetta le quote europee, ma fortunatamente non tutti nel nostro Paese condividono questo punto di vista”. Nei dieci minuti di tempo per parlare si sono ascoltati pesanti j’accuse contro l’Europa e la “gestione fascista del fenomeno” (sindaca di Barcellona), sono anche state ricordate le grandi migrazioni nel secolo scorso e l’atteggiamento coraggioso di tante città del Mediterraneo. Palermo e Napoli per esempio, ma anche Bari. La convivenza e un serio programma di integrazione per chi arriva, restano i punti base per ripensare ad un fenomeno che non si fermerà e che necessita di superare l’emergenza. Il sindaco di Riace, in Calabria: “Da noi gli abitanti sono 1500 e 500 sono invece i migranti. Grazie ai migranti sono state sperimentate convivenze efficaci che hanno cambiato il destino di una comunità e un territorio destinati allo spopolamento, alla marginalità e alla mafia”. Per tutti la sfida più grande è quella di superare la paura della gente e di neutralizzare il populismo e il germe del razzismo. – fonte

CONTINUA A LEGGERE

 RICICLARE LA PLASTICA OGGI:

Recyclix un network unico per il riciclo della plastica..aiuti l’ambiente e guadagni oltre il 200% ogni anno sui tuoi RIFIUTI ACQUISTATI e sugli investimenti dei tuoi iscritti diretti del 12%…iscrizione gratuita con 20€ di Bonus. Per iniziare ENTRA SU: https://recyclix.com/ cliccare su Sign-up, al momeno di inserire il codice sponsor (indispensabile per proseguire con l’iscrizione) digitare il seguente: 9561-D640-C28F
PER CHI NON RIESCE ANCORA, AD ACCEDERE DALL’ITALIA, SCARICARE E NAVIGARE CON QUESTO BROSWEARE: https://ultrasurf.us/

Sguici anche sulla nostra pagina FB: Facebook  Se vuoi, puoi inviarci video, notizie o semplicemente scriverci attraverso un messaggio sulla nostra pagina Facebook, gli articoli saranno pubblicati solamente dopo poche  ore dal tuo invio!  Se ti è piaciuto l’articolo riportato, condividilo o lascia un commento, e facci sapere cosa ne pensi!  Continuate a navigare nel sito, attraverso le varie categorie o gli articoli correlati.

Comments are closed.


Get Widget