Camici alla Lombardia dal cognato, indagato il governatore della Regione Fontana

25/07/2020 – Il governatore della Lombardia Attilio Fontana è indagato dalla Procura di Milano nell’inchiesta sulla fornitura da mezzo milione di euro di camici e altro materiale medico da parte della Dama spa, società gestita da Andrea Dini, cognato del presidente, e di cui la moglie detiene il 10 per cento delle quote. Lo apprende l’Ansa in base a fonti qualificate. Il colpo di scena nelle indagini, che vede iscritti nel registro degli indagati per turbata libertà nel procedimento di scelta del contraente lo stesso Dini e Filippo Bongiovanni, il dg dimissionario di Aria Spa (la Centrale acquisti regionale), è arrivato al termine di settimane di accertamenti e audizioni da parte degli investigatori. Proprio oggi sarebbe stato ascoltato Bongiovanni, figura chiave nella catena di comando che ha portato al via libera all’affidamento diretto nel pieno della pandemia.

Durante le tre ore di faccia a faccia coi pm, Bongiovanni ha dato la sua versione dei fatti, sostenendo che nelle fasi più difficili dell’emergenza sarebbero state sospese tutte le procedure di verifica sulle forniture. In sostanza qualunque impresa capace di fornire dispositivi di protezione individuale, e che si era riconvertita per farlo, veniva in presa in considerazione da Aria. Regione Lombardia e la Centrale acquisti, ha aggiunto, si sono mosse in uno stato “quotidiano” di necessità. Un argomento già ripetuto dieci giorni fa al Pirellone dall’assessore Raffaele Cattaneo – anche lui ascoltato dai magistrati ma non indagato – secondo cui “in quei giorni” non c’erano alternative. “Rifarei tutto”, aveva sostenuto in aula tra le polemiche dell’opposizione, dal momento che proprio lui secondo gli inquirenti avrebbe consigliato ad Aria di rivolgersi a Dama (in quel periodo era responsabile dell’unità regionale per il reperimento di mascherine e altri dispositivi).

loading…



Per quanto riguarda la posizione del leghista Fontana, finora dalla procura era trapelata soltanto l’ipotesi che avesse avuto un “ruolo attivo” nell’eventuale passaggio della commessa di camici da “fornitura” a “donazione“. È questo il nodo chiave intorno al quale ruota tutta la vicenda, scoperchiata da un’inchiesta della trasmissione Report. La Dama Spa gestita da Dini – noto imprenditore che detiene anche il marchio di abbigliamento Paul&Shark – ha fornito infatti alla Lombardia materiale medico per 513mila euro. In base alle ricostruzioni giornalistiche, le fatture sarebbero state stornate e l’acquisto trasformato in una donazione solo dopo la diffusione della vicenda sui media nazionali. Dini finora ha sempre negato, affermando che il suo intento era sin dall’inizio a scopi benefici. Come riportato dal Fatto Quotidiano, però, lo stesso manager avrebbe firmato di suo pugno un’email in cui si parlava esplicitamente di “prezzi e forniture”. Documento recuperato dagli investigatori del Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di Finanza nel corso delle acquisizioni fatte in Regione nelle ultime settimane. – Continua su [FONTE]]
CONTINUA A LEGGERE >>



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.


Get Widget