Migranti: L’Europa pensa all’embargo sui gommoni “made in China”

24/11/2017 – Ha escogitato un’arma segreta, l’ammiraglio Enrico Credendino che guida la missione navale europea «Sophia» nel Mediterraneo centrale: l’embargo contro i gommoni. I tecnici di diversi Paesi europei ne hanno parlato a lungo ieri in un summit a porte chiuse che si è tenuto a Roma, nella grande base militare che c’è a Centocelle, ospiti del quartier generale di Eunavformed. L’idea è che quei gommoni di pessima qualità, costruiti in Cina esclusivamente per gli scafisti libici, siano uno strumento d…continua

loading…


Come Analisi Difesa sostiene ormai da anni, queste operazioni sono in realtà di supporto alla criminalità organizzata e perciò destinate a non terminare mai poiché garantiscono a chiunque abbia denaro per pagare trafficanti collusi con il terrorismo islamico (da al-Qaeda allo Stato Islamico) di venire accolti e mantenuti a spese dei contribuenti italiani ed europei.

L’ammiraglio Credendino sostiene che Sophia/Eunavfor Med abbia tolto spazio di manovra a trafficanti e scafisti ma i flussi dalla Libia sono in aumento in questi giorni, segno che di spazio di manovra i trafficanti ne hanno quanto basta.
L’ammiraglio ha aggiunto che molti migranti continuano a morire soprattutto nelle acque territoriali libiche, in quelle 12 miglia che sono ancora fuori dal raggio di azione della missione europea.

Una valutazione che lascia intendere che, anche qualora la missione europea fosse autorizzata a penetrare nelle acque libiche, gli immigrati clandestini continuerebbero a venire raccolti a ridosso delle spiagge da cui sono salpati e trasferiti in Italia.

Ma allora tanto varrebbe varare l’Operazione Esodo per svuotare l’Africa dai suoi abitanti utilizzando traghetti invece delle navi militari erisparmiando così un sacco di soldi.

L’ammiraglio sostiene che per salvare più vite e combattere più efficacemente il business dei trafficanti sarebbe necessario che Sophia/Eunavfor Med “fosse invitata da un governo di unità nazionale e ci fosse una risoluzione dell’Onu” per passare prima alla Fase 2B, che permetterebbe di operare nelle acque territoriali libiche. Poi alla Fase 3, ma solo per combattere i trafficanti “assieme alle forze libiche sulla costa”.

Ipotesi affascinante ma poco credibile considerato che il governo di unità nazionale di fatto non esiste non controlla un solo metro quadro di territorio e che gli affari dei trafficanti finanziano anche il governo islamista di Tripoli e molte autorità tribali come dimostra il fatto che finora nessuna delle milizie che hanno sprofondato la Libia nel caos ha mai contrastato le bande di trafficanti.

Secondo quanto riferito dall’ammiraglio Credendino la presenza dell’Operazione Sophia ha indotto i trafficanti a muoversi meno in mare aperto e a impiegare soprattutto gommoni (invece dei più costosi barconi) acquistati in Cina.
Meglio però ricordare che la gran parte degli oltre mille scafisti arrestati dal 2013 e affidati alla giustizia italiana sono “pesci piccoli” che in galera ci sono rimasti poco o non ci sono neppure andati.

Quanto ai gommoni “made in China” alcune fonti riferiscono che raggiungono la Libia dalla Turchia, che non a caso sta ricattando con successo l’Europa con i flussi migratori verso i Balcani.

Ankara sembra quindi collusa anche nei traffici dalle coste libiche e del resto è l’unico sponsor, insieme al Qatar, del governo islamista di Tripoli guidato dai Fratelli Musulmani che dovrebbe controllare le coste della Tripolitania e fermare i trafficanti.

Credendino sottolinea come l’obiettivo di Sophia/Eunavfor Med sia la “distruzione del business model di trafficanti e contrabbandieri” (chissà poi cosa vorrà dire ?) ma aggiunge che la priorità morale è quella di salvare le vite umane, rispettando strettamente il “principio di non respingimento”. Tutte le persone salvate, compresi gli scafisti che vengono consegnati alla giustizia, vengono portati in Italia. “Mai in Libia o in paesi terzi”.



Non è certo colpa dei militari se questi sono gli ordini Bruxelles, basati su direttive messe a punto da Federica Mogherini, ma è evidente che è proprio l’assenza di respingimenti, per giunta più volte annunciata, a incoraggiare i flussi migratori illegali e a ingrassare i fuorilegge legati ai jihadisti. Il premier britannico David Cameron, il cui governo è l’unico dell’Europa Occidentale ad aver avuto sempre una visione pragmatica del problema, ha annunciato ieri di voler impiegare unità della Royal Navy nelle acque libiche per respingere i clandestini sulle coste.

Inoltre con i respingimenti dei clandestini (escludendo dal provvedimento solo eventuali malati, feriti o bisognosi di assistenza) Sophia/Eunavfor Med avrebbe salvato un numero di vite molto maggiore dei 10 mila annunciati perché avrebbe scoraggiato i flussi migratori illegali evitando che altre persone vadano per mare su gusci inaffidabili.


Del resto nessuno pagherebbe i trafficanti sapendo che si ritroverà in Africa. E’ vero che le dimensioni dei flussi sono cambiati e nel 2015 ben l’82 per cento degli immigrati illegali sono giunti in Europa lungo la rotta balcanica dalla Turchia, ma nei primi due mesi dell’anno sono sbarcati in Italia 9.307 immigrati clandestini in leggero aumento rispetto ai 9.117 dello stesso periodo dell’anno scorso come ha rilevato il Ministero degli interni.

Inoltre le domande di asilo presentate dal primo gennaio al 4 marzo di quest’anno sono state 16.080 e con questo ritmo si supererebbero largamente le oltre 80 mila presentate l’anno scorso, che già erano state il 30% in più di quelle del 2014.
Nel 2014 sbarcarono nella Penisola 170 mila immigrati clandestini, 155 mila l’anno scorso; con i “successi” delle missioni Eunavfor Med, Mare Sicuro e Triton quest’anno gli sbarchi in Italia potrebbero battere ogni record. In un rapporto presentato a Bruxelles Federica Mogherini ne prevede oltre 400 mila. (AnalisiDifesa.it)
Diventa sostenitore di L’Onesto clicca mi piace sulla pagina facebook