Crivellata di colpi di pistola calibro 9 l’auto di don Antonio Coluccia

17/12/2018 – Quattro colpi di pistola calibro 9 sono stati esplosi contro la portiera laterale destra dell’autovettura Alfa Romeo di proprietà della famiglia di don Antonio Coluccia, il giovane prete di Specchia noto per le sue battaglie contro la malavita organizzata, tanto da aver subito più volte, negli anni, minacce di morte.

L’autovettura, che lo stesso don Antonio utilizza, quando rientra in paese a trovare i genitori, era parcheggiata a breve distanza dall’abitazione, in corso Italia. A quanto pare, i colpi sono stati esplosi attorno alle 2,10 di notte. Quacuno li ha uditi, ma ha pensato probabilmente a petardi lanciati in strada da giovani. Tipico, nel periodo delle festività natalizie. Purtroppo, però, al mattino, alle 7,30, si è scoperto tutt’altro.

Due proiettili hanno infratto il finestrino, altri due colpi si sono conficcati nello sportello. Sono stati chiamati i carabinieri, che sono arrivati subito sul posto per un sopralluogo. I militari di Specchia e del Nucleo operativo radiomobile di Tricase hanno recuperato i bossoli da terra e, soprattutto, hanno acquisito alcuni filmati di videosorveglianza per mettere a fuoco i passaggi salienti al momento degli spari e capire se vi siano stati movimenti sospetti di soggetti in auto, moto o a piedi e da quale distanza effettiva siano stati esplosi i colpi.

loading…



Don Antonio è stato costretto a rinviare la sua partenza per Roma, dove da anni svolge la sua attività, prevista proprio per questa mattina. Non solo. Già nei giorni scorsi è stato destinatario di un inquietante “avvertimento”. Ospite a Supersano presso l’aula consiliare per un incontro a tutto tondo sulla legalità organizzato da un’associazione locale, “Fuori dal comune”, previsto per sabato scorso, 15 dicembre, su un manifesto che lo rappresentava, ignoti hanno attaccato una scritta in arabo sugli occhi (stappandola presumibilmente da un altro manifesto), il cui significato dovrebbe essere “buon appetito”.

Al di là della frase, che potrebbe non avere avuto un significato particolare ma essere stata casuale, l’obiettivo reale era sembrato proprio quello di chiudere gli occhi al coraggioso sacerdote, cavalcando lo spauracchio del fondamentalismo islamico.

Fondatore dell’Opera Don Giustino, all’interno di una villa capitolona confiscata alla banda della Magliana, le attività, condotte sempre a testa da don Antonio, sono ben note, così come le intimidazioni che ha subito, tanto da essergli stata assegnata in passato una scorta. Scorta di cui, però, non dispone più dalla fine dell’estate.

Nel pomeriggio, intanto, la presidente del Consiglio comunale di Specchia, Luigia Maria Rosarcia Scarcia, ha convotato per domani una seduta pubblica straordinaria d’urgenza, aperta, e con possibilità d’intervento. Appuntamento alle 18,30 presso il Municipio per solidarizzar con don Antonio dopo questo vile atto. La cittadinanza, in questo momento, intende stringersi più che mai attorno alla sua figura.

Gli attestati di solidarietà
“Esprimo la piena solidarietà a don Antonio Coluccia per il vile atto intimidatorio perpetrato nella notte a Specchia”, dichiara il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. “Un gesto esecrabile, che colpisce un uomo, un sacerdote, da sempre impegnato in favore della legalità e della giustizia. Un impegno che don Antonio porta avanti, mettendo a repentaglio anche la propria incolumità personale. Sono certo che don Antonio Coluccia non si scoraggerà e continuerà le proprie battaglie con lo stesso impegno e la stessa determinazione”.

Rosa Barone, presidente della Commissione regionale di studio e inchiesta sul fenomeno della criminalità organizzata in Puglia, esprime vicinanza a don Antonio Coluccia. “Voglio dire che non è solo e saremo sempre al suo fianco per supportarlo in questo percorso in difesa della legalità. Colgo l’occasione per invitarlo in Commissione per parlarci della sua esperienza e dirci cosa le istituzioni possono fare concretamente per chi, come lui, è ogni giorno in prima linea sul territorio per combattere contro la criminalità”.

Lega: “Necessita della massima protezione”
“Il Salento e i salentini condannino e respingano i loro concittadini che minacciano a colpi di pistola un santo sacerdote”, è l’appello che lanciano, in una nota, il segretario regionale della Lega, Andrea Caroppo, e il segretario provinciale di Lecce, Elisa Rizzello. “Gli avvertimenti e le intimidazioni che mettono a rischio la sua incolumità personale dimostrano che don Antonio ha fatto e sta facendo tanto bene: diversamente non subirebbe le attenzioni della criminalità organizzata”.

“Dimostrano, però, anche che don Coluccia – da sempre impegnato in favore della legalità e per gli ultimi, anche attraverso il riutilizzo in loro favore di beni confiscati alla mafia – necessita della massima protezione possibile da parte dello Stato e da parte di tutti i salentini onesti. Don Antonio Coluccia sappia – concludono Caroppo e Rizzello – di poter contare, oggi più che in passato, sul sostegno personale nostro, del nostro partito e delle istituzioni che rappresentiamo”. – Continua su FONTE
CONTINUA A LEGGERE >>
VIDEO CORRELATI:



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget