Italia 51/a per corruzione, pesano mafie. ‘Il Paese rallenta la scalata, diversi i problemi irrisolti’

23/01/2020 – L’Italia è 51/a nel mondo con un punteggio di 53 punti su 100 nel ranking della percezione della corruzione di Transparency International. Guadagna un voto e due posizioni rispetto all’anno scorso, appaiata ad Arabia Saudita e Ruanda, e un gradino sotto a Malta.

La classifica del Cpi (indice di percezione della corruzione in 180 Paesi) segnala due questioni: è lontana la sufficienza pur avendo guadagnato 12 punti dal 2012 e rallenta la scalata alla classifica, dominata anche quest’anno da Danimarca e Nuova Zelanda.

Il nostro Paese ha guadagnato ben 12 punti dal 2012 ad oggi, ma l’ultimo anno segna una “decisa frenata”: l’Italia ha un solo voto in più rispetto al 2018 nella classifica 2019 relativa all’indice di percezione della corruzione (Cpi) pubblicata oggi da Transparency International.

La classifica ci vede al 51esimo posto nel mondo con un punteggio di 53 punti su 100, migliore di un punto rispetto all’anno precedente: l’Italia, dunque, pur segnando un lieve miglioramento, rallenta la sua scalata. Rispetto al 2018 è salita di due posizioni, dalla 53esima alla 51esima, ma con un solo punto in più (da 52 a 53 su 100): un punteggio ancora a metà classifica (da 0 a 9 punti si parla di ‘altamente corrotto’, da 90 a 100 ‘senza corruzione’) di certo migliore rispetto al 2012, prima dell’approvazione della legge Severino, quando l’Italia si trovava in 72esima posizione, con 42 punti.

loading…



Un ‘trend’ di crescita andato avanti negli ultimi anni in modo pressoché costante, con picchi positivi tra il 2014 (anno di istituzione dell’Anac) e il 2015, quando il nostro Paese scalò la classifica con 8 posizioni in più (dalla 69esima alla 61esima), e tra il 2016 e il 2017, quando l’Italia balzò dal 60esimo al 54esimo posto nella classifica dell’indice di percezione.​

In Europa fanno bella figura anche Finlandia e Svezia, mentre Bulgaria, Romania e Ungheria occupano le ultime posizioni. Spicca la caduta di Canada (-4 punti), Francia e Regno Unito (-3) e perdono due punti anche gli Usa (a 69 contro i 71 precedenti). “Siamo lieti di vedere un ulteriore miglioramento”, osserva Virginio Carnevali, presidente di Transparency International Italia “ma speravamo in qualcosa di più. Il rallentamento è dovuto a problemi che il nostro Paese si trascina e non risolve”.
CONTINUA A LEGGERE >>
Ordina subito la tua carta Revolut gratuita.
VIDEO CORRELATI:


Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget