Al nuovo avvocato della Regione 700mila euro. Nomina decisa personalmente dalla Santelli

06/06/2020 – La nomina di un avvocato esterno alla regione potrebbe rappresentare un altro grossolano errore da parte della presidente Jole Santelli, la quale ha inteso procedere affidando l’incarico ad un professionista di sua conoscenza senza nessun tipo di selezione. Si tratta, dunque, di una nomina diretta, intuitu personae. A tal proposito interviene il sindacato Csa-Cisal che attraverso una nota stampa esprime sdegno per la decisione assunta dalla governatrice calabrese e snocciola cifre e numeri importanti.

«La nomina fiduciaria del presidente Jole Santelli attraverso cui è stato individuato il nuovo coordinatore dell’avvocatura regionale è un pessimo segnale. La procedura impiegata non solo pone una questione di “piena” legittimità dell’atto, ma comporta delle implicazioni concrete che dovrebbero far riflettere il governatore»

«Fermo restando che il presidente Santelli sarebbe comunque potuto arrivare alla nomina della professionista indicata, il modo con cui lo ha fatto non convince per niente. Il nuovo coordinatore degli avvocati non è stato selezionato, né valutato. Questo, al cospetto del conferimento di un incarico all’esterno, diventa fondamentale.

loading…



Il presidente – dichiara il sindacato Csa-Cisal – non ha nominato il suo legale di fiducia per seguire una causa privata, bensì una figura all’interno di una Pubblica Amministrazione, che – per inciso – viene pagata da tutti i calabresi. Trattandosi di gestione della “cosa pubblica” e non della “casa propria”, sarebbe stato più opportuno attenersi alle regole generali degli Enti, ossia procedere con una manifestazione d’interesse che partisse dalle risorse interne. E nel caso si fosse rivelata infruttuosa, andare a pescare, sempre con un avviso pubblico, all’esterno. Come si intuisce, si poteva comunque arrivare allo stesso risultato, ma avendo bypassato principi cardine dell’ordinamento giuridico, la strada seguita resta “macchiata”».

«Tanto per restare nel recinto dell’Ente regionale, l’avvocatura è formata da 19 avvocati. Professionisti la cui esperienza, in alcuni casi, è addirittura ventennale (l’avvocatura regionale è stata costituita con legge n. 7 del 1996 ed entrata in funzione nel 2000). Sulla carta ognuno dei legali interni ha capacità spendibili ed in grado di concorrere a diventare il coordinatore. Da quanto è dato sapere, il presidente Santelli non ha né visionato i curricula né voluto conoscere i legali interni. Perché non è stata data loro la possibilità di poter accedere a quella posizione? Forse – domanda il sindacato CSA-Cisal – sono stati giudicati pregiudizialmente tutti “poco validi”? Eppure in questi anni hanno lavorato a migliaia e migliaia di cause difendendo la Regione. Una mole straordinaria di lavoro che è stata sottaciuta».

Prima di rivolgersi ad una figura esterna, il presidente Santelli ci doveva pensare per un altro motivo. A livello economico, comunque la si giri c’è un aggravio di spesa per le casse regionali. Un coordinatore esterno costa 140 mila euro all’anno (importo lordo). In cinque anni (come da decreto di conferimento) fanno 700 mila euro a carico dei contribuenti. Se fosse stato selezionato un interno, buona parte della spesa era già incamerata nell’emolumento dell’avvocato regionale prescelto. Per farla breve, con un legale interno-coordinatore ci sarebbe stato un risparmio di circa 40 mila euro all’anno. In cinque anni 200 mila euro. Non bruscolini in tempi di crisi, in cui il danaro pubblico dovrebbe essere utilizzato ancor di più con oculatezza e parsimonia. Senza tralasciare un vantaggio sulla funzionalità della scelta interna. Un legale regionale conosce l’apparato, le pratiche in essere, mentre chi arriva da fuori ci metterà parecchio tempo prima di capire i meccanismi. Non si contesta – ribadisce il sindaco CSA-Cisal – il nome indicato dal presidente (o le capacità della professionista stessa), ma la procedura seguita. Forse c’è stata troppa leggerezza». – [FONTE]
CONTINUA A LEGGERE >>
VIDEO CORRELATI:



Dal momento che sei qui….
… abbiamo un piccolo favore da chiedere.
Scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un SITO di informazioni come Lonesto.it significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale, basta davvero poco. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire senza pubblicità.

Se segui Lonesto.it
fai una donazione!
Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Dona oggi, e rimani informato anche domani.
(Donazione Minima 5€):




Comments are closed.


Get Widget