“Il popolo puzza”: editoriale di Marco Travaglio

27/03/2018 – Oddio, ci sono i barbari e non so cosa mettermi. A furia di ripetere per tutta la campagna elettorale che tanto non sarebbe cambiato nulla, che sarebbe tornato il governo Gentiloni, anzi non se ne sarebbe mai andato di qui all’eternità, perché il redivivo Berlusconi (“in grandissima forma”, veniva descritto, anche se tutti lo vedevano rincoglionito) avrebbe colmato il piccolo vuoto lasciato nel fronte “europeista e moderato” (le pazze risate) dalla “flessione” del Pd, garantendo all’Italia e all’Europa la tanto agognata “stabilità”; a furia di fare e disfare governi e partiti a prescindere dagli elettori, spostando leader e ministri come i carrarmatini del Risiko, un Calenda un po’ più in qua, un Renzi un po’ più in là, un Maroni di sotto e una Bonino di sopra; a furia di chiudere porte e finestre per non vedere fuori, il Commentatore Unico del Giornalone Unico scopre che tutto è cambiato e si sente un tantino spiazzato. Gli mancano le parole per raccontare la novità. E si arrangia come può, oscillando fra il servo encomio e il codardo oltraggio, con l’aggiunta di una categoria che nemmeno il Manzoni poteva prevedere: il bilioso rosicamento. Unico criterio sconosciuto: l’equilibrio critico.
loading…
Servo encomio. Sabato Roberto Fico era stato appena eletto presidente del Senato e già il Tg1 aveva la lingua di fuori, pronta alla leccata: “Napoletano, classe ’74, laurea con lode in Scienza della comunicazione”. Anzi, cum laude: fino al giorno prima era un buzzurro populista arruffapopolo incompetente, ora è già uno scienziato. Uno che “rinuncia subito all’indennità di funzione e all’auto blu” e “non manca di mettere in guardia dagli eccessi di personalismo ed egocentrismo”. Come San Francesco. Uno che “in campagna elettorale sceglie di andare casa per casa”. Come Gesù. “Ora per lui inizia quella che ha definito ‘un’avventura meravigliosa’…”. È un bel Presidente! Un apostolo! Un santo! Il Tg2 è il secondo, ma solo in ordine numerico, non certo affettivo: “Da presidente della Vigilanza Rai, Fico è apprezzato in modo bipartisan per il suo equilibrio e il suo rigore professionale”. Però lo diciamo solo ora, prima del 4 marzo era meglio di no. E poi, udite udite, “risulta il più votato del Movimento nella sua Campania”. Non è vero, i 5Stelle più votati in Campania sono Di Maio, De Lorenzo e Spadafora, ma fa niente: i voti mancanti glieli regala il Tg2, alla carriera, perché “a lui è riconosciuta quell’esperienza di gestione dell’aula che era stata richiesta dal centrodestra come qualità prioritaria del candidato a Montecitorio”.
Per la verità era Di Maio, come vicepresidente della Camera, che dirigeva l’aula, ma fa lo stesso. Uno vale uno, anzi uno vale l’altro. E attenzione: il Corriere.it svela che “Fico non lascia le vecchie abitudini: va alla Camera prendendo l’autobus. Ha preso la metropolitana fino alla Stazione di Napoli e poi il treno fino a Roma. Poi l’autobus fino a via del Corso” (Corriere.it). Roba forte. Segue un imperdibile reportage “Nel bar dove Fico prende il caffè”. Pare, per bocca. Codardo oltraggio. Era già toccato a Renzi dopo la sconfitta al referendum, spiegata da tutti i giornaloni schierati per il Sì alla sua riforma costituzionale come la giusta punizione per quell’orrenda riforma costituzionale e per una lunga serie di altri errori marchiani che curiosamente nessuno gli aveva mai rinfacciato mentre li commetteva e quando ancora poteva correggerli. Ora il codardo oltraggio si posa pure su B., dipinto come un vecchio rincitrullito da chi fino al 4 marzo lo trovava molto tonico e in palla, artefice di una campagna elettorale geniale e magistrale, in grande ascesa nei sondaggi, ben sopra quel cavernicolo di Salvini, anche quando ricordava di aver “alzato le pensioni a mille lire” e raccontava degli immigrati clandestini che “entrano nelle nostre case e si fiondano subito al frigo per bere l’olio dalla bottiglia”. Alla vigilia del voto, Libero titolava: “Silvio non si ferma più” (26.2). “Sul web Berlusconi ha già vinto: Internet parla solo di lui” (1.3). Ora Vittorio Feltri dice: “È già tanto che sia vivo. Uno che candida Tajani e pensa di vincere le elezioni è pronto per l’ospizio”. Amen. Bilioso rosicamento. Francesco Merlo è inconsolabile. Ancora una volta gli elettori non hanno seguito gli amorevoli consigli di Repubblica (anche perché non li hanno capiti). E lui se lo spiega con argomenti a metà fra il colonnello in pensione e la beghina anni 50: i vertici delle due Camere sono finiti in mano “agli “estremisti, agli squinternati d’assalto, ai campioni delle insolenze, dello sberleffo e dello sbeffeggiamento”, insomma alla “diarchia del populismo che governerà l’Italia”. Già grande fan dei governi Monti e Letta, nati dal patto fra B. e il Pd, Merlo si riscopre improvvisamente antiberlusconiano e lacrima come una vite tagliata per l’elezione della Casellati, “la più berlusconiana dei presidenti che abbia mai avuto il Senato” (invece Schifani, eletto nel 2008 con l’astensione del Pd, era un noto nemico del Caimano, infatti Repubblica lo difese amorevolmente dal sottoscritto). Ma soprattutto il Merlo è affranto per “il fallimento di quell’Italia che aveva sognato le mediazioni culturali e i libri, quell’Italia di sinistra che si era illusa di tirarsi fuori dal pantano attraverso i grandi riferimenti internazionali, da Camus all’America di Obama, da Tocqueville a Marx a Bobbio ad Habermas. E invece – unico Paese dell’Europa avanzata – qui il Castello è stato espugnato dai populismi senza incontrare resistenza”. D’ora in poi, niente più libri: li stanno bruciando tutti i 5Stelle, che vincono per “i rutti e i vaffa insieme con le scie chimiche, i microchip sotto la pelle, la guerra ai ‘vaccini inutili’, le ignorantissime lezioni sul tumore da curare ‘con il limone e la cacca di capra’ e su “l’Aids che è la più grande bufala del secolo”; e i leghisti, cioè “la destra dei forconi e delle ruspe, della castrazione chimica, dello sparare a vista, di Salvini che indossava la cravatta solo da nudo”. Ecco: diamo l’addio ai libri, e pure alle cravatte: “Torna al potere la vecchissima provincia italiana”. Dove andremo a finire, signora mia: ma l’ha visto quel terrone di Di Maio, “che fu commesso allo stadio di Napoli” anziché starsene comodamente a Parigi (che è sempre Parigi) con un mega-contratto con Repubblica e poi, una volta in pensione, tornare nell’attico a Roma a sudare come consulente Rai su non si sa bene cosa per la miseria di 240 mila euro l’anno? Pensi, signora mia, che quel cafone di Pomigliano d’Arco osa persino vincere le elezioni senza chiedere il permesso alla sinistra e al suo Merlo, che lo schifano perché fino a 25 anni aveva un lavoro precario. E niente, povera Italia, è tutto finito. Addio Renzi e Boschi, ultimi baluardi della civiltà urbana di Rignano sull’Arno e Laterina contro la maleodorante provincia; addio Alfano e Castiglione, con le loro leggendarie mediazioni culturali; addio Lorenzin, purissima liberale di scuola tocquevilliana; addio Madia, che stava ad Habermas come Ciaone Carbone stava a Camus; addio Verdini, marxiano della prima ora; addio Lotti, Poletti, Pinotti e Galletti, ultimi epigoni del pensiero bobbiano. Ora ci toccano quei tamarri di Di Maio e Salvini, che “governeranno senza dover fare i conti con niente, né con Lenin né con Moro”, diversamente da Gennaro Migliore e Mario Lavia, “né con Gramsci né con Gentile”, diversamente da Alessia Rotta e Alessia Morani, “né con la grammatica né con l’italiano”, diversamente dalla Fedeli e da Faraone, perché “sono l’espressione asintattica del profondo Nord e del profondo Sud” (che, fra l’altro, non si capisce bene che ci facciano ancora in Italia), “della provincia che è all’arrabbiata, come le penne” e puzza terribilmente di sugo. O la sinistra si decide a ritrovare le sue radici e ad abolire il suffragio universale, o la schiuma di questa plebaglia incolta screanzata mi arriva fin sulla terrazza ai Parioli. (di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano del 27 marzo 2018) CONTINUA A LEGGERE >> Dal momento che sei qui…. … abbiamo un piccolo favore da chiedere. Più persone stanno leggendo il nostre le nostre notizie selezionate dai maggiori media locali e internazionali, ma le entrate pubblicitarie attraverso i media stanno calando rapidamente. Vogliamo mantenere la nostra rassegna stampa più aperta possibile. Quindi Se tu e tutti coloro che stanno leggendo questo avviso donaste 5€, potremmo permetterci di far crescere lonesto.it negli anni a venire. Puoi farlo anche con una donazione tramite Paypal cliccando sul tasto: (Donazione Minima 5€), si accettano eventuali proposte di collaborazioni:

Comments are closed.


Get Widget
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com