Reazioni avverse al vaccino anti-Papilloma virus: quanti sono i casi? I conti non tornano.

17/04/2017 – Il secondo servizio di Alessandra Borella di Report di questa sera, tocca il tema del vaccini, oggi molto attuale per le polemiche nate dall’obbligo di sottoporre i bambini ai vaccini per evitare il ritorno di malattie che pensavamo aver eliminato. Nel servizio si parlerà del vaccino contro il papilloma virus: se sulla necessità dei vaccini c’è poco da aggiungere, altro discorso sono i test cui questi devono essere sottoposti per essere certi della loro efficacia, che non portino ad effetti collaterali.
Un team di ricercatori indipendenti ritiene che l’Agenzia del Farmaco non abbia fatto quanto necessario, per questi test e che ci sarebbe pure una situazione di conflitto di interesse.

Il papilloma virus (HPV) è stato collegato all’insorgere del tumore al collo dell’utero. Per prevenirlo l’Italia è stata il primo paese in Europa ad introdurre il vaccino anti-papilloma virus, tra i più costosi in età pediatrica. Le nostre autorità sanitarie hanno potuto contare su una valutazione positiva dell’Agenzia Europea del Farmaco, che ha dichiarato sicuro questo tipo di vaccini.

Ma le segnalazioni sui possibili danni causati dal vaccino anti HPV sono state correttamente valutate? Se lo chiede un team di ricercatori indipendenti danesi della rete “Cochrane Collaboration”, che ha presentato un reclamo ufficiale a Strasburgo. L’accusa è contro l’Agenzia Europea del Farmaco: avrebbe sottovalutato le reazioni avverse e ci sarebbero anche dei conflitti d’interesse che non sono stati dichiarati.

Diventa sostenitore di L’Onesto clicca mi piace sulla pagina facebook

Comments are closed.


Get Widget