Uccide il pedofilo che abusò di lei: Il giudice si rifiuta di mandarla in carcere e le paga le spese

pedofilia21/04/2016 – Una storia incredibile quella raccontata da Metro.Uk. Una ragazzina, ormai 15enne, era stata violentata all’età di otto anni. Il pedofilo, all’epoca dei fatti, era stato graziato dai giudici inglesi che gli avevano dato soltanto 6 anni di carcere e poi, come se nulla fosse accaduto, l’avevano rimesso in libertà. L’adolescente, una volta scoperto che il suo aguzzino era tornato in città, si è presentata a casa sua per vendicarsi. Non appena l’uomo le ha aperto la porta, gli ha infilato un coltello nella pancia dicendogli: “Ho intenzione di ucciderti”.

L’uomo era a terra sofferente quando gli è stato dato il colpo di grazia: la ragazza gli ha tagliato la gola. Il giudice Jonathan Durham Hall ha dovuto esaminare il caso, ma reputando che la giustizia inglese fosse stata troppo tenera con il pedofilo dandogli soltanto 6 anni di carcere, ha deciso di andare incontro alla giovane. Infatti, il giudice Hall ha evitato di mandare in galera la ragazza e ha esclamato: “Sarebbe una disgrazia imperdonabile mandare una sopravvissuta come te in prigione”.

L’uomo ha condannato l’adolescente a due anni in un centro di riabilitzione per minori e per graziarla ulteriormente le ha pagato tutte le spese processuali. – FONTE

CONTINUA A LEGGERE

Sguici anche sulla nostra pagina FB: Facebook  Se vuoi, puoi inviarci video, notizie o semplicemente scriverci attraverso un messaggio sulla nostra pagina Facebook, gli articoli saranno pubblicati solamente dopo poche  ore dal tuo invio!  Se ti è piaciuto l’articolo riportato, condividilo o lascia un commento, e facci sapere cosa ne pensi!  Continuate a navigare nel sito, attraverso le varie categorie o gli articoli correlati.